top of page

General Vookly

Público·13 miembros
Bulat Tretyakov
Bulat Tretyakov

Il Gatto Con Gli Stivali [PATCHED]


Prima degli avvenimenti del film di Shrek 2, il Gatto con gli Stivali era un abile combattente e fuorilegge misericordioso che rubava per vivere. Una notte, durante i festeggiamenti del Festival del Fuoco a San Ricardo, un piccolo paese spagnolo, Gatto coglie l'occasione per potere riscattare il suo nome: essendo ricercato, si rifugia in un bar dove scopre che due fuorilegge irlandesi, Jack e Jill, hanno messo le mani sui Fagioli Leggendari, in grado di fare crescere una pianta altissima che arriva fino alla terra dei Giganti e all'Oca d'oro, le cui uova possono sistemarti per tutta la vita. Pur non essendo facile avvicinarsi ai due malfattori, Gatto decide comunque di tentare. Egli li trova in una locanda, ma il furto dei fagioli si rivela molto più difficile del previsto, e a mettergli i bastoni tra le ruote ci si mette anche un gatto nero mascherato che lo smaschera davanti agli assassini. Costretti alla fuga, i due gatti prendono a inseguirsi per i tetti della città fino a ritrovarsi in un rifugio di soli gatti. Dopo avere sfidato il misterioso rivale a una gara di ballo e un duello di spade, Gatto scopre la sua identità: si tratta di Kitty "Zampe di Velluto", complice di una sua vecchia conoscenza, l'uovo Humpty Alexander Dumpty.




Il gatto con gli stivali


Download Zip: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Ftinourl.com%2F2uhxE2&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw2lrqync7RgceqPQfR2cY_D



Tra questi e Gatto c'è stato un rapporto di amicizia, distrutto da un episodio increscioso sette anni prima: loro erano amici fin da quando vivevano in un orfanotrofio, dove Gatto venne adottato da neonato poiché spinto dal vento forte lontano dai genitori fino a San Ricardo. Il loro rapporto si intensificò durante le ricerche dei fagioli magici, loro grande sogno. Rassegnati al fatto di non riuscire a trovarli, i due cominciarono a rubare alla gente innocente, ma salvando la madre del comandante delle guardie da un toro da corrida, Gatto diventò molto famoso e onorato nel suo paese, soprattutto agli occhi di sua madre adottiva, Imelda, la quale gli regalò un paio di stivali: così decise di smettere di rubare e diventare un giustiziere. Al contrario, Humpty si ritrovò sempre più spesso in prigione, accumulando anche dei debiti con i pericolosi emigrati irlandesi Jack e Jill, e per estinguerli ingannò Gatto per farsi aiutare a rapinare la banca, in modo che egli non venisse più elogiato e ritornasse fuorilegge assieme a lui; scoperti dalle guardie, i due furono costretti alla fuga, ma Humpty si ritrovò in trappola e i soldi caddero nel fiume, e Gatto, arrabbiato con lui per averlo tradito, non lo aiutò e lo lasciò alla mercé delle guardie. Fu da allora che Gatto diventò un fuorilegge temuto, cercando ogni tanto di trovarsi dei padroni per tutta la Spagna e di ripagare i soldi rubati, ma non ci riuscì.


Fatta eccezione per il Gatto il film presenta nuovi personaggi. Secondo il co-sceneggiatore David H. Steinberg Non si sovrappone affatto a Shrek. In parte è stato realizzato per raccontare una storia originale sul Gatto, ma in parte perché non sapevamo cosa avrebbe fatto in Shrek 4 con i personaggi e non potremmo scrivere trame contrastanti.[11] Il film è stato "citato" in Shrek e vissero felici e contenti, quando Shrek chiude finalmente il libro suo omonimo e lo mette via accanto a un libro intitolato proprio Il gatto con gli stivali.


Il gatto con gli stivali è il primo film di animazione della DreamWorks realizzato in parte in India. Uno studio di Bangalore di proprietà della Technicolor, che aveva lavorato principalmente a speciali televisivi e contenuti speciali in DVD, ha trascorso sei mesi ad animare tre scene principali del film. L'esternalizzazione consentiva vantaggi finanziari, con il 40% in meno di costi di manodopera rispetto agli Stati Uniti d'America, ma il motivo principale era la mancanza di personale, poiché lo studio produceva fino a tre film all'anno.[12]


La direzione del doppiaggio è a cura di Marco Mete, per conto della Technicolor spa.[17] Oltre a prestare la voce al protagonista nelle versioni inglese e spagnola (come già successo in Shrek 2 Shrek terzo e Shrek e vissero felici e contenti), Antonio Banderas doppia il Gatto con gli stivali anche nella versione italiana del film.[18]


Todd McCarthy di The Hollywood Reporter ha commentato positivamente il film, affermando che Il gatto con gli stivali è un divertente gioco che mostra alcuni dei migliori lavori 3D mai realizzati da un film d'animazione per il grande publico. Colorato, abbastanza intelligente, privo di stucchevoli inside joke, pieno di azione senza risultare ridicolo e anche ben coreografato.[21] Peter Debruge di Variety ha dato al film una recensione positiva, sostenendo che La storia delle origini del Gatto potrebbe facilmente reggersi da sola - una testimonianza di una scrittura intelligente da parte del suo team creativo e un'irresistibile interpretazione centrale di Antonio Banderas.[22] Christy Lemire di Associated Press ha assegnato al film tre stelle su quattro, dicendo che Per un intrattenimento veloce, vivace e adatto alle famiglie, Il gatto con gli stivali funziona perfettamente, anche in 3D, che è integrato in modo ponderato nella narrazione e non solo come un espediente.[23] Bill Goodykoontz di The Arizona Republic ha assegnato al film tre stelle e mezzo su cinque, dicendo che Per quanto Banderas e Hayek funzionino molto bene, Galifianakis è migliore, rendendo Humpty Dumpty tra tutti uno dei più intriganti personaggi animati che si vedranno per un po'. È una bella sorpresa.[24] Moira MacDonald del The Seattle Times ha conferito al film tre stelle su quattro, affermando che Ho sognato un mondo in cui i gatti potessero ballare il tango - e quando è stata l'ultima volta che un film l'ha fatto?.[25] Marjorie Baumgarten di The Austin Chronicle ha dato al film tre stelle su cinque, dicendo che La seducente interazione tra Banderas e Hayek, i contributi vocali appena riconoscibili di Galifianakis e i discorsi tra Thornton e Sedaris ci tengono tutti in sintonia con gli eventi sullo schermo.[26]


Owen Gleiberman di Entertainment Weekly ha dato al film una C, affermando che Nei film di Shrek, la parte divertente del Gatto con gli stivali, con le sue consonanti vibranti e la propensione per i duelli con la spada pieni di sbruffonate, è che uno così coccoloso non dovrebbe cercare di fare il casanova. Ma in Il gatto con gli stivali, ciò perde d'efficacia dopo i primi 15 minuti.[27] Ty Burr del The Boston Globe ha assegnato al film tre stelle su quattro, ritenendo che Il gatto con gli stivali non apre nuovi orizzonti nel reparto della narrazione, e la sua dipendenza dalle sequenze d'azione all'avanguardia crea affaticamento, ma il film ha uno spirito diabolico che funziona sia per i genitori che per i bambini.[28] Elizabeth Weitzman del Daily News (New York) ha assegnato al film quattro stelle su cinque, affermando che È sempre un piacere trovare un film per famiglie che rispetti il suo pubblico fino in fondo.[29] Olly Richards di Empire ha dato al film tre stelle su cinque, sostenendo che Come la maggior parte dei gattini, non si è sempre comportato perfettamente, ma almeno questa nuova avventura del Gatto non ti fa raggiungere il flacone spray cinematografico. E grazie al cielo lo spin-off non fa nulla per sterilizzare il carismatico Gatto.[30] Stan Hall di The Oregonian ha assegnato al film una B, dicendo che Il gatto con gli stivali non è particolarmente profondo, né si prende sul serio - vuole solo cercare la gloria, conquistare affetto e incassare. Tutti obiettivi raggiunti.[31]


Joe Morgenstern del The Wall Street Journal ha dato al film una recensione positiva, dicendo che Il Gatto ha fatto il suo debutto in Shrek 2, poi ha passato del tempo nei due sequel sempre meno divertenti. Ora ha un film tutto suo, e nemmeno un momento presto.[38] Lisa Kennedy di The Denver Post ha assegnato al film tre stelle su quattro, affermando che Sarebbe esagerato dire che Il gatto con gli stivali lascia il suo gatto tenendo il sacco (bisognava farcelo entrare). Ma lascia anche il suo eroe in attesa di una favola più ricca, adatta al suo fascino e ai talenti del suo interprete.[39] Anna Smith di Time Out ha assegnato al film tre stelle su cinque, sostenendo che Il gatto con gli stivali è irregolare, ma quando è sulla strada, i fan dei gatti si troveranno in paradiso.[40] Amy Biancolli dello Houston Chronicle ha dato al film tre stelle su cinque, dicendo che Il gatto con gli stivali si esibisce su tre verità fondamentali. Uno, i gatti sono divertenti. Due, vanitosi gatti spagnoli con stivali da moschettiere con il tacco alto sono ancora più divertenti. Infine, i vanitosi gatti spagnoli doppiati da un ansimante Antonio Banderas sono assolutamente esilaranti.[41] Tasha Robinson di The AV Club ha dato al film una C+, dicendo che Il gatto con gli stivali fa una grande corsa in un parco a tema, un brivido al minuto di festa per gli occhi e per i canali semicircolari. Ma mentre le ambientazioni sono straordinariamente multidimensionali, i personaggi sono più piatti dei disegni della vecchia scuola.[42]


Il 17 marzo del 2021 viene annunciato da Universal Pictures e DreamWorks Animation che il film sarebbe uscito al cinema il 23 settembre del 2022. Insieme all'annuncio della data d'uscita viene rivelato che Joel Crawford si sarebbe occupato della regia del lungometraggio e che il titolo sarebbe stato Il gatto con gli stivali 2 - L'ultimo desiderio (Puss in Boots: The Last Wish).[51] Il 21 aprile 2022 viene annunciato il rinvio dell'uscita del film al 21 dicembre 2022.


Un giorno, sapendo che il re e la principessa, sua figlia, avrebbero viaggiato lungo il fiume, il gatto persuase il suo padrone a togliersi i vestiti da mugnaio e ad entrare nel fiume. Una volta nascosti i vestiti del suo padrone dietro una roccia, aspettò l'arrivo della carrozza del re, per poi andare loro incontro gridando aiuto. Il gatto spiegò al re che il suo padrone, il "marchese di Carabas" era stato derubato dei suoi vestiti e poi gettato nel fiume e ora rischiava di annegare. Il re offrì immediatamente soccorso mandando le sue guardie ad aiutare il giovane ad uscire dall'acqua e dandogli i migliori vestiti a sua disposizione. Infine, lo invitò a sedersi nella carrozza al fianco della figlia che di lui si innamorò immediatamente. Il giovane non realmente consapevole di ciò che stava accadendo, accettò di buon grado tutte le offerte del re e si innamorò perdutamente della principessa. 041b061a72


Acerca de

¡Te damos la bienvenida al grupo! Puedes conectarte con otro...

Miembros

bottom of page